Nonostante fosse agli arresti domiciliari per atti sessuali con una ragazzina di 12 anni continuava a chattare, telefonare e ricevere persone in casa.

E’ l’accusa contestata al 21enne Salvatore Rimmaudo, l’orco che gli agenti della squadra mobile di Ragusa e del commissariato di polizia di Vittoria erano riusciti a smascherare.

PER ALTRI DETTAGLI DELLA VICENDA LEGGI QUI

Fatale per l’indagato si è rivelatala la dipendenza dai social network: pochi minuti dopo essere stato posto ai domiciliari ha pubblicato post su Facebook e Instagram, in alcuni casi pubblicando anche verbali della polizia. Gli investigatori hanno redatto un’informativa sulle violazioni e il Gip, accogliendo la richiesta della Procura di Ragusa, ha disposto l’aggravamento della misura cautelare, con il trasferimento in carcere dell’indagato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here