“Nessun segnale di discontinuità tra il governo Crocetta e il governo Musumeci sul fronte della sanità in Sicilia, le prossime nomine dei manager, da quanto emerge dalla short list dei candidati non fa presagire nulla di buono rispetto al recente passato. Ed inoltre è evidente la continuità ai vertici dell’assessorato alla Salute”.

I segretari regionali dei sindacati della dirigenza medica veterinaria hanno annunciato la presentazione di un dossier alla Commissione regionale Sanità dell’Ars in cui si denunciano con nomi e cognomi tutti i presunti “favoritismi” già segnalati all’assessorato regionale Sanità, mai riscontrati, tanto da rimanere “lettera morta”.

“Siamo totalmente sfiduciati sulla capacità e volontà dell’assessorato alla Salute rispetto al controllo del sistema di nomine con direttive impartite dallo stesso assessorato – dicono i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Cimo, Anpo, Fvm, Aaroi – che di fatto favorisce la totale deregulation, permettendo il Far West e la totale anarchia sul territorio, che diventano funzionali ad un sistema governato da cacicchi locali dalle mani libere“.

“In questi anni abbiamo assistito a troppi silenzi e a troppe omissioni – affermano i segretari regionali dei sindacati dei medici – rispetto ai richiami ed agli appelli che abbiamo più volte lanciato, come la questione relativa ai titoli dei direttori generali. Dai nostri riscontri, emergono una serie di violazioni rimaste coperte da coloro i quali avrebbero dovuto controllare“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here