A dieci giorni di distanza dalla maxi operazione della guardia di Finanza che ha colpito il gruppo imprenditoriale Russo Morosoli, arrivano le dimissioni del comandante del nucleo operativo del Corpo forestale di Catania, Luca Ferlito.

Con una lunga lettera consegnata al presidente della Regione, Nello Musumeci, Ferlito ha lasciato la presidenza del Parco dei Nebrodi dopo che il suo nome è finito nell’inchiesta Aetna della procura etnea con l’accusa di aver rivelato alcuni dettagli su un controllo che riguardava la società Etna Mobility concorrente del gruppo Russo Morosoli.

“Bene la decisione del commissario Ferlito di fare un passo indietro – ha affermato il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Antonio De Luca, componente della commissione Antimafia all’Ars – Speriamo che il successore sia un soggetto lontano da interessi politici. L’indiscrezione sulla scelta di un consigliere comunale di Forza Italia non fa onore a Musumeci e non garantisce serietà ed equidistanza nella gestione del Parco”.

Da alcune indiscrezioni, infatti, il nome ventilato sarebbe quello del commercialista Domenico Barbuzza, consigliere comunale di Forza Italia a Sant’Agata di Militello.

“Invitiamo Musumeci – conclude De Luca – a nominare un presidente che non sia un mero compositore di interessi. L’eventuale scelta di Barbuzza non la condivideremmo assolutamente. Serve piuttosto un profilo che possa garantire equidistanza, serietà e una visione di sviluppo del comprensorio nebroideo che tuteli le imprese sane e l’ambiente”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here