Prima lo hanno trascinato fuori dal suo locale, dove lo hanno platealmente schiaffeggiato tenendo una banconota da 20 euro sul palmo della mano per fare anche una azione dimostrativa davanti ai clienti. E alla fine del pestaggio si sono immortalati in un selfie di gruppo.

E’ successo a Barcellona Pozzo di Gotto, nel messinese, dove 6 balordi lo scorso novembre hanno aggredito il proprietario ed i dipendenti di un locale dove, dopo avere bevuto numerosi “shortini”, non hanno voluto pagare il conto di 70 euro.

I carabinieri hanno arrestato quattro componenti del branco (sono state forniti soltanto iniziali ed età: G.S., 28 anni, B.C., 33 anni, C.G.F., 35 anni, B.A., 20 anni). I primi tre sono stati rinchiusi in carcere, al quarto sono stati concessi i domiciliari. Gli altri due sono indagati.

L’accusa è di estorsione aggravata. L’indagine della procura è cominciata dopo l’aggressione avvenuta nel pub  che si trova nella zona della “ex Pescheria”, luogo di ritrovo serale dei giovani barcellonesi: le immagini registrate dalla videocamere di sorveglianze hanno documentato schiaffi, calci, minacce, il tutto davanti ai clienti presenti all’interno ed all’esterno del locale.

E hanno pure rivelato che uno degli arrestati già lo scorso ottobre aveva festeggiato nello stesso locale il compleanno e aveva preteso di non pagare il conto di 60 euro.

Durante una perquisizione a casa di uno dei due indagati sono state trovate 74 munizioni di diverso calibro e l’uomo è stato denunciato anche per detenzione illegale di munizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here