L’operazione antidroga della polizia a Messina denominata Fortino, che ha permesso 17 arresti, nasce da un sequestro di 5kg di stupefacenti a Messna. Gli investigatori hanno poi ricostruito la struttura dell’organizzazione. La droga proveniva in gran parte dalla Calabria, dove si riforniva l’organizzazione.

Ai vertici del gruppo criminale c’era la famiglia Arena operante soprattutto nel quartiere della Valle degli Angeli e nel vico Fede, un vero e proprio fortino, appunto, controllato dal clan. I poliziotti con pedinamenti, intercettazioni e video riprese hanno ricostruito tutte le attività di spaccio. Durante l’operazione sono stati sequestrati 30 mila euro ritenuti ricavato dell’attività di spaccio e diverse quantità di droga.

“Contrastiamo da sempre – spiega il Questore di Messina Mario Finocchiaro – con numerose attività lo spaccio di droga e siamo attivi anche nella prevenzione con l’iniziativa ‘Scuole sicure’, che ha già dato numerosi risultati con sequestri e arresti di malviventi nei pressi degli istituti scolastici. Abbiamo svolto anche attività di monitoraggio dei luoghi di spaccio in tutta la provincia individuando insieme alle altre Forze dell’Ordine delle aree dove è prevalente lo smercio di sostanze stupefacenti”.

Gli arrestati con l’accusa a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio, porto e detenzione di armi e furto sono: Lorenzo Anghelone, 30 anni, Francesco Arena, 37, Michele Arena, 59, Antonio Bonanno, 37 anni, Bartolo Bucè, 55, Filippo Cannavó, 37, Ugo Carbone, 44, Giovanni Cortese, 45, Paolo Mercurio, 26, Angelo Mirabello, 53, Paolo Musolino, 33, Mario Orlando, 38, Pietro Raffa, 39, Santoro Rosaci, 34, Francesco Russo, 36, Gaetano Russo, 36 e Luigi Siracusa 56.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here