Un nuovo prelievo di organi è stato eseguito la scorsa notte al Policlinico universitario “G. Martino” di Messina.

Il paziente, un 65enne di Patti, era ricoverato nel reparto di Rianimazione per un’emorragia cerebrale. Constatata la morte cerebrale, il personale medico ha consultato i familiari che, interpretando la volontà dell’uomo (molto conosciuto nella comunità di Patti, dove lavorava presso gli uffici giudiziari) hanno dato l’assenso al prelievo. Il coordinamento per la donazione ed il trapianto di organi, sotto la guida del dottor Francesco Puliatti, ha immediatamente attivato la procedura.

Grazie alla disponibilità di medici e infermieri della UOC di Anestesia e Rianimazione è stato possibile intervenire nei tempi previsti. Una équipe dell’Ismett di Palermo ha così provveduto a prelevare il fegato e i due reni, che sono stati trasportati nel capoluogo siciliano, dove già in queste ore si stanno valutando le possibilità e modalità di trapianto. Contestualmente si è proceduto al prelievo delle cornee, che sono state poi inviate alla Banca Nazionale degli Occhi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here