Purtroppo è una storia infinita. E non è figlia del dissesto. E’ una crisi che va avanti da tempo e che mantiene i lavoratori in uno stato di perenne angoscia. Stiamo riferendoci all’Oda, all’Opera diocesana di assistenza di Catania, dalla quale dipendono lavoratori e le famiglie che hanno necessità dei loro servizi.

“C’è grande agitazione tra i lavoratori dell’Oda, che da due mesi non ricevono lo stipendio e nemmeno notizie da parte del Commissario straordinario Adolfo Landi”.

Lo rivela l’Ugl, sottolineando che “questa continua mancanza di risposte non ci fa bene sperare”.

“Vogliamo sapere quali sono le cause che stanno ostacolando il versamento delle somme di dicembre e gennaio – osserva il segretario provinciale Ugl Sanità, Carmelo Urzì – non ci sembra corretto questo atteggiamento da parte della società, quando ci sono 500 dipendenti che hanno diritto di sapere e di vedersi pagato il lavoro effettuato”.

“Auspichiamo dunque risposte celeri, diversamente provvederemo a chiedere l’intervento delle istituzioni preposte a tutelare, insieme a noi, i diritti del personale e ci auguriamo per il prossimo futuro l’avvio di un dialogo costante che – conclude il sindacalista – possa consentire la rimozione di ogni ostacolo e favorire la collaborazione per una conduzione volta al bene dell’Oda e dei suoi utenti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here