Sono precari da oltre vent’anni. I lavoratori del Teatro Massimo Bellini di Catania, ormai esasperati, hanno occupato il teatro Sangiorgi per chiedere e magari ottenere risposte sul proprio futuro. A dicembre dello scorso anno, infatti, avevano ricevuto rassicurazioni su una possibile stabilizzazione. E invece continua a persistere il rischio concreto di tagli per la mancanza di fondi regionali. Tecnici amministrativi, addetti al carico e scarico di scenografie e non solo, portieri e tecnici prevenzione incendi si ritrovano con un contratto in scadenza il prossimo 20 aprile.

Si tratta di ventitré lavoratori precari che, nel corso degli anni, hanno dovuto tollerare rinnovi di contratti a due o tre mesi, ma anche tagli delle ore lavorative ridotta a 25 settimanali anziché 36 , nel frattempo hanno continuato a farsi carico della mano d’opera necessaria. Inoltre se l’amministrazione del teatro non riuscirà a presentare il bilancio triennale entro il prossimo 30 aprile si correrà il rischio del commissariamento.

L’occupazione iniziata alle ore 6 di questa mattina, proseguirà per tutto il giorno con la speranza di poter, prima possibile, incontrare il sindaco di Catania Salvo Pogliese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here