Sono stato ritrovati i resti di uno scheletro, forse di una donna, di età classica (490-479 d.C.), durante gli scavi di rifacimento della rete idrica a Enna. Le ossa, la cui datazione precisa è in corso, sono state scoperte in via Ragusa nei pressi di Piazza Santa Sofia nel centro storico.

E’ stata l’archeologa Rossella Nicoletti, che segue per Acqua Enna l’ente gestore della rete idrica ennese tutti gli scavi, ad accorgersi dei resti.

Il cantiere, dopo l’intervento della polizia che ha effettuato i rilievi e della Soprintendenza è stato bloccato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here