A poco più di due settimane dalla fine della stagione, in casa Rainbow Catania Basket, è tempo di riflessioni e rivoluzione. Il club bianco rossoblù ha annunciato nella giornata di martedì il divorzio da coach Deborah Bruni, alla guida della formazione etnea nelle ultime tre stagioni, culminate con due semifinali nazionali play off su tre tentativi. All’allenatrice romana non è bastato, dunque, il raggiungimento dell’obiettivo minimo stagionale. Il presidente Rainbow, Fabio Ferlito, spiega i motivi della scelta:

“Ho preso la decisione in maniera sofferta. Un triennio è sufficiente per condividere un progetto, ma il fatto che non si sia riusciti a raggiungere l’obiettivo ci obbliga a rimescolare un po’ le carte per vedere di cambiare qualcosa laddove riteniamo di esser stati carenti. Ma, attenzione, carenti come società, nell’insieme dell’organizzazione e non per quanto riguarda l’attività del coach. Cambiamo per provare a cambiare qualcosa, non perché le responsabilità siano identificate in una sola persona. Le responsabilità sono della società, dei dirigenti, del presidente e del coach,non solo di quest’ultima”.

Il numero uno etneo fa l’identikit del tecnico necessario ai progetti del club e conferma l’obiettivo promozione anche per la prossima stagione:

“Vorremo avere una persona d’esperienza, possibilmente giovane, che stia tutto il giorno in palestra per lavorare di concerto sia con le giovanili che con la prima squadra. Cosa che Deborah Bruni non poteva dare perché, per un accordo specifico tra le parti ed avendo lei una sua attività professionale, dispone dei soli pomeriggi e difficilmente può derogare. Ma c’è bisogno anche di organizzarsi meglio a livello generale perché una società che cresce ha bisogno di avere presenze molto più consistenti rispetto a quello di cui abbiamo potuto disporre. Ci sono in ballo tantissimi cambiamenti, la cui entità la verificheremo nei prossimi giorni. Nel giro di una settimana dovremo prendere una decisione definitiva”.

Si prospetta, dunque, un’estate di profondo rinnovamento e lavoro, per il club catanese,  che non vuole derogare dalle proprie ambizioni, continuando a coltivare il sogno Serie A2.

Foto da: Rainbow Catania Basket / Ciccio Lo Cascio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here