E’ durato poco meno di un’ora nel carcere di Ragusa l’interrogatorio di garanzia di Rosario Greco, il 37enne di Vittoria che giovedì sera ha travolto col suo Suv, uccidendoli i due cuginetti Alessio e Simone D’Antonio.

All’uscita dal carcere il suo difensore di fiducia Nunzio Citrella non ha voluto dare particolari sull’interrogatorio fatto dal Gip di Ragusa, Andrea Reale. “Nessun commento – ha detto l’avvocato di Greco – è un momento straziante e non mi pare opportuno aggiungere altro. Ha risposto alle domande del Gip? No comment”.

Nell’ordinanza del Gip del Tribunale di Ragusa Andrea Reale di convalida dell’arresto di Rosario Greco, l’uomo che era alla guida del Suv che ha travolto e ucciso  Alessio e Simone D’Antonio, emerge che il pm Andrea Sodani non gli ha contestato l’omissione di concorso, pertanto, l’uomo deve rispondere solo di omicidio stradale plurimo con l’aggravante dello stato di ubriachezza. Sempre da fonti giudiziarie si è appreso che Rosario Greco non ha alcun precedente penale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here