Esordio casalingo e seconda vittoria stagionale coincidono. Il Catania alla sua prima uscita al “Massimino”, sotto l’occhio attento dei propri tifosi, s’impone con un bel gioco e vince 2-1 contro la Virtus Francavilla.

Camplone contro i pugliesi conferma per 9/11 la formazione di Avellino e inserisce Calapai e Welbeck dal primo minuto.

Dopo venti minuti di equilibrio e ripartenze senza alcuna occasione eclatante, al 26’ su schema da calcio d’angolo Perez insacca la palla sul primo palo e porta in vantaggio la Virtus Francavilla. Buona la reazione del Catania che dopo il gol subito prova a spingere in fase offensiva. Alla mezzora i rossazzurri vanno vicini al pareggio, Welbeck innesca Di Piazza che in rovesciata mette la palla alta sulla traversa. Al 37esimo Welbeck viene atterrato in aerea di rigore, dagli undici metri Lodi non sbaglia e riporta il risultato in parità.

Nel seconda frazione di gioco il Catania non concede spazi ai pugliesi che iniziano così a innervosirsi. Al 18’ della ripresa Sarno con un gran tiro dalla distanza realizza il gol del 2-1. A vantaggio acquisito ci provano ancora Di Piazza con un tiro al volo parato da Costa e Mazzarani, per ben due volte, a mettere in cassaforte il risultato. Il Catania continua a imporsi mentre il Francavilla reclama un calcio di rigore che il direttore non gli concede. Welbeck crea l’ennesima occasione della partita poco prima della mezz’ora con un bel gesto tecnico. A pochi minuti dal termine trovano spazio anche Curiale e Catania con quest’ultimo che va vicino al 3-1. Nel recupero Zenoni sfiora il 2-2 con la palla che va fuori.

Carattere, identità di gioco e coesione. È solo la seconda gara stagionale ma il Catania è già sulla buona strada per diventare grande.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here