Un tunnel che non pare aver fine. La Meta Catania comincia il nuovo anno così come aveva concluso quello vecchio: perdendo nonostante alcuni sprazzi di lucidità che ricorda la versione autunnale della compagine etnea, capace di arrampicarsi al vertice della Serie A.

Il 7-0 subito in casa del Real Rieti è più di un campanello d’allarme per la formazione guidata da Salvo Samperi, ormai giunta alla quinta sconfitta consecutiva. I catanesi pagano una verve realizzativa vistosamente calata ed una fase difensiva di certo non impeccabile. Il Rieti, dal canto suo, è bravo a sfruttare le sue occasioni e ad approfittare delle sbavature avversarie, come al 3′, quando il tiro di Jelovcic viene premiato dalla topica di Perez, che non trattiene. Il gol non sgonfia i catanesi, che continuano a produrre occasioni, senza capitalizzare. Al 17′ ecco il raddoppio reatino, con Fortino che colpisce all’incrocio dei pali. Si va al riposo sul 2-0. Al rientro in campo i rossazzurri pressano gli avversari e sfiorano la rete. I laziali, invece, colpiscono e tra l’8′ e l’11’ minuto chiudono la sfida con quattro reti: nell’ordine colpiscono Ramon, con una doppietta in meno di un minuto, Fortino e Rafael. Sul 6-0 la Meta continua comunque a provarci, per alleggerire il carico, ma Tondi è impeccabile su Salas e Caamano. Il 7-0 finale arriva con i catanesi riversati in avanti ed a porta sguarnita, firmato da Jelovcic. Un risultato pesante, che non può che aprire un momento di profonda riflessione in casa etnea.

CLASSIFICA SERIE A: Italservice Pesaro 39; Real Rieti, Acqua&Sapone* e Avellino 35; Came Dosson* 30; Mantova* 26; Meta Catania 25; Feldi Eboli* 23; Signor Prestito 22; Colormax Pescara 19; Padova 15; Genova 11; Arzignano* 10; Latina e Lido di Ostia* 9; Aniene 7.

*Una gara in meno

Foto da: Real Rieti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here