Una sfida senza esclusione di colpi. La gara d’andata dei quarti di Coppa Campioni di pallanuoto femminile, tra Sabadell ed Ekipe Orizzonte è stata un match vibrante dal primo all’ultimo istante che le catanesi vincono con un 12-13 sudato ma meritato,che legittima l’accensione dei sogni continentali della squadra allenata da Martina Miceli.

Le catanesi giocano un primo tempo imperioso, reagendo subito al vantaggio iberico di Forca Arisa.

La doppietta di Garibotti e le reti di Bekhazi e Viacava tengono avanti le catanesi per 1-4 alla prima sirena.

Nel secondo quarto si accende la battaglia: dopo il momentaneo 1-5 di Marletta le padrone di casa si arrampicano fino al 4-5. Poi comincia un’alternanza di reti che mantiene in bilico gli equilibri ed al cambio vasca si va sul 6-8 in favore delle catanesi

Nel terzo tempo il Sabadell colma il divario. Forca Arica agguanta le etnee sull’otto pari mentre la Arino firma il sorpasso (9-8). Le catanesi non si scompongono e tornano in linea di galleggiamento con il tiro di rigore realizzato da Garibotti, con i cnetri di Forca Arica e Aiello che concludono la frazione sul 4-2 per il complessivo 10-10.

Nell’ultimo quarto la sfida si gioca anche sui nervi con l’Ekipe che non può più contare su Ioannou e McKelvey, espulse in precedenza per limite falli.

A colpire per primo è il Sabadell con la ex della gara, Eggens, prima dell’uno due firmato da Garibotti e Viacava nel giro di 40 secondi. Il Sabadell ritrova il pari (12-12) con la solita Forca Arica, a 5 minuti dalla fine. Trascorrono minuti di grande agonismo ma senza reti e quando l’idea di un pareggio sembrava concretizzarsi ecco l’acuto di Giulia Emmolo che con la rete del 12-13 consegna alle siciliane un successo prezioso, da coltivare e proteggere nella sfida di ritorno.

 

Foto da: federnuoto.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here