Dopo la confessione, dello stupratore, di aver violentato una disabile di 26 anni che era positiva al Covid parla l’avvocato dell’operatore sanitario accusato: “Non parlerei di stupro” ha detto Eliana Maccarrone legale dell’operatore sanitario.

L’uomo, 39 anni, sposato e padre di un figlio, incastrato dal Dna, avrebbe dichiarato, durante l’interrogatorio, che a provocarlo era stata la giovane, affetta da una gravissima patologia psichica legata ad una rara malattia genetica.

“E’ tutto in fase di accertamento e verifiche. Si tratta di una persona disabile che, vorrei precisare, come tutti i disabili cercano continuo affetto. Se l’atto sessuale si sia consumato è in fase di accertamento”, ha concluso l’avvocato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here