Il Palermo apre il suo 2021 con una vittora sofferta, ma meritata, sull’ostico campo della Cavese. La formazione campana, nonostante l’ultimo posto, si è rivelata formazione combattiva, aiutata anche dal pantano creatosi sul terreno di gioco del “Lamberti”.

I rosanero sono subito aggressivi ed al primo minuto trovano già la rete con Kanoutè, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Al 19′ ancora una rete annullata ai siciliani, stavolta Kanoutè va al cross, premiando l’inserimento di Valente, ma è nuovamente la bandierina del guardalinee a smorzare l’esultanza dei giocatori di Boscaglia.

Pochi istanti dopo il Palermo ringrazia Pelagotti, che rimane concentrato sul colpo di testa di Germinale, prima di subire una carica da parte dell’ex Catania Russotto.

Al 39′ ecco l’episodio che avrebbe potuto svoltare la gara degli ospiti: Matera stende Valente in area e per l’arbitro non ci sono dubbi: rigore. Dal dischetto si presenta Lucca che spara di poco a lato.

Il secondo tempo si apre col Palermo in pressione. Al 49′ Valente spara alto su cross di Odjer. Poco dopo la difesa cavese commette un’altra gaffe ed innesca Luperini, che crossa per Lucca la cui conclusione centra l’estremo difensore avversario. Il Palermo è in questa fase tambureggiante ed al 59′ sfiora nuovamente la rete con Lucca che piazza la zampata in area ma Tazza salva. Nei minuti finali la Cavese resta in inferiorità numerica, per un fallo di Matera. In superiorità di effettivi il Palermo si getta nuovamente in avanti ed arriva al gol al 92′, quando Rauti sfrutta una punizione dalla trequarti deviando di testa alle spalle di Russo e decidendo così la sfida. Il Palermo torna al successo dopo un mese, mantenendosi in zona play off.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here