Con l’arrivo della bella stagione riparte il monitoraggio delle popolazioni di delfini che vivono nell’arcipelago eoliano. L’iniziativa è portata avanti dall’associazione “Filicudi Wildlife Conservation” presieduta dalla biologa romana Monica Blasi. “Interessa – spiega – il tursiope (Tursiops truncatus) e la stenella striata, (Stenella coeruleoalba), insieme alla sperimentazione di strumenti di mitigazione, condotta coi pescatori, per ridurre le interazioni tra delfini e pesca nell’ambito del progetto LifeDelfi.

Dall’analisi dei dati foto identificativi emerge la presenza di un tursiope, ‘Egidio’, un maschio, nato nel 2007, figlio di una delle poche femmine riproduttive di tursiope presenti nell’area eoliana, la delfina ‘Seregna’. Questo tursiope che monitoriamo sin dalla nascita è ormai divenuto un adulto. Le immagini di questi ultimi giorni riportano una pinna molto più marcata dai segni dovuti probabilmente sia a fattori naturali, come morsi e graffi dovuti ai combattimenti con altri maschi e alle interazioni sociali, ma anche di tipo antropico come l’interazione con le reti”.

“Siamo molto felici – puntualizza la dottoressa Blasi – di avere avvistato Egidio in vicinanza di altre due femmine di tursiope adulte, Andrea e Filippa. Ci avviciniamo al periodo riproduttivo per questa specie e chissà se una delle due porterà in grembo un suo futuro piccolo. La gestazione per questa specie dura 12 mesi per cui lo scopriremo solo continuando a studiare questa popolazione nella speranza di avvistare nuovi piccoli nella prossima stagione estiva”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here