Con grinta e cuore. Nei penultimi novanta minuti di questa stagione, il Catania difende il quinto posto e lo fa battendo 2-0 la Casertana, in attesa dell’ultima gara contro il Foggia allo “Zaccheria, e non concedendo campo alla Juve Stabia vittoriosa proprio sui prossimi rivali pugliesi.

Il Catania subito in avanti, con Golfo che dopo 4 minuti calcia dal limite. Al decimo il vantaggio locale, cross di Calapai dalla destra ed è il numero uno della Casertana, Avella, a respingere male e a mettere in rete l’1-0. Più tardi sono Welbeck e Giosa a tentare il tiro dalla distanza, ma Avella para e pallone fuori nel secondo tentativo. Alla mezz’ora la Casertana va in pressione, la difesa rossazzurra è attenta e a raddoppiare sono proprio i padroni di casa con Reginaldo, al 35esimo. Pinto serve il numero 10 che con una finta salta Carillo e batte Avella col destro ad incrociare nell’angolino basso sul secondo palo. Pressing alto del Catania anche sul finale di primo tempo che si chiude sul 2-0 con il pieno dominio di gioco locale.

La prima vera occasione della ripresa è targata Catania, al 57esimo con Maldonado che su calcio piazzato dal limite dell’area di rigore centra in pieno il legno, sul continuo dell’azione Izco non inquadra lo specchio della porta. Il primo tiro in porta della Casertana arriva al minuto 60 ma è bravo Martinez a respingere in angolo, così come sul tiro poco dopo di Longo. Continua la ricerca del tris casalingo che arriva al 76esimo e porta la firma di Giosa, che squalificato salterà l’ultima di campionato. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Dall’Oglio insacca di testa il difensore rossazzurro.

Vittoria importante che riscatta la sconfitta di Catanzaro e lancia il Catania all’ultima gara di campionato sulle ali dell’entusiasmo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here