Sorrisi e lacrime di gioia. E’ questa la cartolina più emozionante del post-partita della ragazze dell’Ekipe Orizzonte che battendo in gara 4 Plebiscito Padova 10-8 si regalano la possibilità di sognare ancora.

Una partita decisa ancora una volta, la terza in quattro match, ai tiri di rigore che questa volta sorridono alle etnee, sicuramente piu precise e meritatamente fortunate.

Alla piscina “Francesco Scuderi” di via Zurria, a Catania, le ragazze allenate da Martrina Miceli cercano e costruiscono la vittoria, che sarebbe potuta arrivare già nei tempi regolamentari. Tante, infatti, le occasioni create dalle catanesi poco cineche a sfruttare le diverse superiorità numeriche, comunque ben difese dall’ importante tasso tecnico delle avversarie.

Ad aprire le marcature sono proprio le biancoscudate in un inizio già a cardiopalma in cui l’Ekipe Orizzonte reagisce e vince il primo tempo per 3-1. Secondo parziale a favore delle venete per 3-4 e terza frazione finita a reti bianche in cui a farla da padrone è certamente la stanchezza. Nel quarto ed ultimo tempo le etnee consentono, ancora una volta, alle biancoscudate di recuperare l’ampio vantaggio e di vincere 1-0. Il pareggio 6-6 al termine dei tempi regolamentari porta nuovamente ai rigori che le padroni di casa sono brave a concretizzare. Cinque su cinque i tiri messi a segno dalle catanesi, 3 quelli delle ospiti che in due occasioni sbagliano e non possono che rinunciare al sogno tricolore che avrebbero già potuto raggiungere ieri.

Dopo le sconfitte ai rigori in gara 1 e 3, e l’unica vittoria di marca rossazzurra entro i tempi regolamentari in gara 2, il risultato è nuovamente in parità: 2 e 2 e giochi ancora aperti. Lo scudetto di pallanuoto femminile si deciderà, dunque, nell’ultima partita della stagione, gara 5, in programma mercoledì alle 18:00 a Padova.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here