“Con Ezio, Elio, Jannie, Rudolph, Luca abbiamo costituito una delle “terze linee” più forti degli anni ’90
A Treviso, con la neve, segnò una delle mete più belle della storia dell’Amatori trascinando con se tre avversari attaccati alle gambe.
Ed è così che voglio ricordarlo. Addio Ezio…che tu possa riposare in pace e da lassù guidare ancora i tuoi ragazzi”.
E’ il commento struggente di Orazio Arancio, ex compagno di squadra e attuale presidente del Comitato regionale Sicilia della Fir, alla scomparsa, a 56 anni, di Ezio Mauro, bandiera del rugby etneo e nazionale.
Il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, e la Giunta hanno espresso “il sentito cordoglio di tutta l’amministrazione comunale per l’improvvisa scomparsa di Ezio Vittorio, apprezzato allenatore della prima squadra dell’Amatori rugby e dipendente dell’Ente come tecnico dei lavori pubblici”.
“Siamo ancora attoniti – ha detto il sindaco Pogliese – per l’incolmabile perdita di un uomo leale e generoso capace come pochi di farsi apprezzare per il suo altruismo di educatore, che ha mostrato come sportivo ai massimi livelli della disciplina rugbistica che fin da bambino aveva esercitato e come apprezzato lavoratore al servizio della comunità e dei colleghi del Comune. Il nostro pensiero e la vicinanza per questo grande dolore vanno ai familiari, alla moglie e ai due figli affranti per la morte improvvisa di Ezio, a cui tanti di noi erano legati da antica e sincera amicizia”.
Le ultime dichiarazioni di Ezio Vittorio, lo scorso 30 maggio, dove la sua squadra è stata ospitata dal Ragusa Rugby.
I funerali di Ezio Vittorio si svolgeranno domani alle 11.15 nella Chiesa Cattedrale del Duomo di Catania.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here